The Sunset Boulevard
Attenzione!

Il forum potrebbe contenere un linguaggio e del materiale adatto ad un pubblico adulto.

Fatemi capire...

Pagina 4 di 4 Precedente  1, 2, 3, 4

Andare in basso

Re: Fatemi capire...

Messaggio Da Gneo Giulio Alano il Ven Giu 08, 2018 5:54 pm

.


Ultima modifica di . il Dom Giu 10, 2018 10:18 am, modificato 1 volta
avatar
Gneo Giulio Alano
Quasi famoso
Quasi famoso

Messaggi : 1363

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Fatemi capire...

Messaggio Da Demian il Ven Giu 08, 2018 6:17 pm

ADB ha scritto:
Demian ha scritto:Io penso che il problema stia nel fatto che non siamo riusciti a creare un gruppo coeso.
Se ci fosse un clima di cordialità e amicizia,quasi tutti parteciperebbero attivamente,non mancherebbero argomenti

E secondo te Demi perché questo gruppo che in origine era coeso (almeno su questo ho buona memoria) adesso non lo è più?
Vuoi esempi di persone che prima andavano d'amore e d'accordo e che adesso non si rivolgono più la parola?
Guarda, mi metto dentro anch'io che per un certo periodo mi sono reso attore di ciò.
Perché ci si conosce meglio, ci si sente al telefono, ci si vede dal vivo.
E quando le cose non vanno bene il loro peso è più importante; e ciò, ovviamente, si ripercuote qui.

Wink
Sicuramente quello che avviene in privato si ripercuote anche sul forum ma nn credo sia solo quello.
La coesione iniziale era data dalla novità e passata quella fase,ognuno di noi ha tratto le proprie conclusioni.

avatar
Demian
Quasi famoso
Quasi famoso

Messaggi : 3526

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Fatemi capire...

Messaggio Da Gneo Giulio Alano il Ven Giu 08, 2018 6:26 pm

.


Ultima modifica di . il Dom Giu 10, 2018 10:18 am, modificato 1 volta
avatar
Gneo Giulio Alano
Quasi famoso
Quasi famoso

Messaggi : 1363

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Fatemi capire...

Messaggio Da Demian il Ven Giu 08, 2018 6:34 pm

ADB ha scritto:
Demian ha scritto:La coesione iniziale era data dalla novità e passata quella fase,ognuno di noi ha tratto le proprie conclusioni.

Demi, con quasi tutti sono anni che ci leggiamo sul forum, prima su Alf ed adesso qui, perciò non credo che l'aver traslocato abbia innescato chissà quale pensiero giocoso.
Ci ha solo messo al riparo da personaggi che avevano ben poco a spartire con chi voleva vivere il forum in un modo diverso.
Però rispetto il tuo punto di vista sicuramente figlio di un vissuto.

Wink

Però era la prima volta che stavate in un ambiente cosi ristretto da "forzare" una seconda conoscenza. uhm
Ora che ci penso,non è cosi tanto diverso da un grande fratello uhm
I meccanismi cambiano quando si è in pochi.
avatar
Demian
Quasi famoso
Quasi famoso

Messaggi : 3526

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Fatemi capire...

Messaggio Da Gneo Giulio Alano il Ven Giu 08, 2018 6:44 pm

.


Ultima modifica di . il Dom Giu 10, 2018 10:18 am, modificato 1 volta
avatar
Gneo Giulio Alano
Quasi famoso
Quasi famoso

Messaggi : 1363

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Fatemi capire...

Messaggio Da Poirottina il Ven Giu 08, 2018 7:04 pm

ADB ha scritto:
Poirottina ha scritto:Mi hanno raccontato che in altri forum fanno dei gemellaggi per favorire l' ingresso di persone nuove

Io sono favorevole al gemellaggio con il forum delle Fave Cappone!

mrgreen

pcbreak

Se continuate così vado a fare proselitismo nel forum delle mamme pancine ( non so neanche se esiste larme ). girl
avatar
Poirottina
Quasi famoso
Quasi famoso

Messaggi : 3696

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Fatemi capire...

Messaggio Da Poirottina il Ven Giu 08, 2018 7:10 pm

ADB ha scritto:So per certo esserci diverse persone che leggono pur non essendo iscritte e che lo fanno solo per il gusto di spettegolare altrove.

Praticamente svolgiamo un' importante funzione sociale, facciamo biutiful aggratis per chi legge. larme
Anche iscritti che non partecipano, secondo me.

avatar
Poirottina
Quasi famoso
Quasi famoso

Messaggi : 3696

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Fatemi capire...

Messaggio Da Gneo Giulio Alano il Ven Giu 08, 2018 7:36 pm

.


Ultima modifica di . il Dom Giu 10, 2018 10:18 am, modificato 1 volta
avatar
Gneo Giulio Alano
Quasi famoso
Quasi famoso

Messaggi : 1363

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Fatemi capire...

Messaggio Da Ospite il Ven Giu 08, 2018 10:02 pm

Maddasupernova ha scritto:
Da quando in qua l’uno esclude l’altro?

Modifico leggermente la domanda e rispondo.
Quando l'uno esclude l'altro?

Quando compaiono (come funghi) post di "ipercritica", per esempio...
Thread scritti sempre dalle stesse persone, tra l'altro...
Quelle stesse persone che ora, si lamentano di non ricevere risposte...
In un forum che si è desertificato.
E perché si è desertificato?
Io un'idea me l'ero già fatta ed ho trovato conferma leggendo questo articolo, che ho  estrapolato dalla rete e che condivido qui:


"L'atteggiamento ipercritico.

L'ipercritico cerca il conflitto anche quando non serve poichè spesso è carico di delusioni; la sua "battaglia" mina i rapporti sociali.

Chi sono gli ipercritici e perchè si comportano così.

Ci mettono sempre qualcosa di troppo: una critica quando il discorso è ormai chiuso, una puntualizzazione del tutto inutile anche se le cose sono già chiare, un tono sarcastico o aggressivo in netto contrasto con l'atmosfera del dialogo, oppure un'osservazione provocatoria e gratuita ai fini dell'argomentazione. Sono gli ipercritici, persone che sembrano portate a battersi verbalmente (polemòs in greco significa infatti guerra) alla prima occasione o, se questa non si presenta, a crearla dal nulla. Non si tratta perciò di una sporadica "salita di tono", dovuta a una contrarietà del momento: L'ipercritico ha dentro di sé una contrarietà più generale verso l'esterno che, a prescindere dalle specifiche situazioni di conflitto, lo fa partire "già carico" nell'affrontare una conversazione: magari sulle prime l'interlocutore non se ne accorge, ma lui è già un po' arrabbiato, irritato, insoddisfatto, critico o sospettoso, ha già qualcosa da aggiungere "a priori".

Pensano di avere sempre un torto da riparare.

Per questo gli basta un nonnulla per innescare una discussione e aprire un conflitto. In pratica l'ipercritico si comporta come se avesse subito, in un passato più o meno remoto, una sorta di "grande torto" che lo ha fatto restare in un costante atteggiamento battagliero verso gli altri e verso la vita: attacca per difendersi, per prevenire, per dimostrare, per essere risarcito, neanche lui sa bene di cosa. «Che poi non si dica che io...» è uno dei suoi tipici intercalari, insieme a «Lo sapevo, te l'avevo detto»; «Come volevasi dimostrare»; «Non per far polemica, ma...»; «Ti dico solo questo e poi non parlo più»; «Ci tengo a precisare che»; «Stai forse insinuando che io...». Le cause di questa propensione, oltre che in una predisposizione individuale, di solito risiedono nel vissuto dell'infanzia e, meno spesso, dell'adolescenza: carenza d'amore materno, umiliazioni o mancati riconoscimenti, genitori in perenne conflitto fra loro, sono le situazioni più frequenti. Qualcosa di importante è dunque accaduto ma, poiché la persona di solito non lo ricorda o non gli attribuisce importanza, si focalizza sui singoli conflitti del momento, con due conseguenze negative. La prima è una costante difficoltà nelle relazioni, che non riescono mai a mantenersi serene e lineari. La seconda è l'impossibilità di una piena evoluzione psicologica, poiché la mente è sempre un po' rapita e affaticata da questa battaglia fine a se stessa.           

Gli ipercritici alla lunga...

- Logorano amicizie e relazioni sociali.

- Suscitano reazioni aggressive, tensione, tendenza a mentire e a evitare.

- Rendono inconcludente ed estenuante ogni discussione.

- Accrescono nel tempo il proprio senso di frustrazione.

L'atteggiamento polemico può nascondere una forte insoddisfazione per la propria vita attuale. Chi è felice infatti non ha alcun bisogno di polemizzare. Non cercare perciò risarcimenti in discussioni estenuanti, non perdere tempo a puntualizzare, ma concentrati su te stesso, sui tuoi desideri e su un migliore stile di vita.

Lo spirito ipercritico è energia vitale che non riesce a convogliarsi in modo e forme costruttive. Per sbloccare la situazione non serve reprimere a stento la rabbia ma sviluppare una o più passioni, in qualsiasi ambito, nel quale la creatività personale possa fluire. Ciò ti renderà più sereno nell'affermare in modo più maturo le tue vere, eventuali contrarietà."

Ti sembra famigliare questo atteggiamento?  Very Happy

Per quanto riguarda il discorso asilo, me labboffa ecc., non ti rispondo neanche, perché mi ha infastidito parecchio.

Buon forum a te Madda ed a tutti voi.

Ospite
Ospite


Torna in alto Andare in basso

Re: Fatemi capire...

Messaggio Da Maddasupernova il Ven Giu 08, 2018 10:23 pm

Lady! ha scritto:
Maddasupernova ha scritto:
Da quando in qua l’uno esclude l’altro?

Modifico leggermente la domanda e rispondo.
Quando l'uno esclude l'altro?

Quando compaiono (come funghi) post di "ipercritica", per esempio...
Thread scritti sempre dalle stesse persone, tra l'altro...
Quelle stesse persone che ora, si lamentano di non ricevere risposte...
In un forum che si è desertificato.
E perché si è desertificato?
Io un'idea me l'ero già fatta ed ho trovato conferma leggendo questo articolo, che ho  estrapolato dalla rete e che condivido qui:


"L'atteggiamento ipercritico.

L'ipercritico cerca il conflitto anche quando non serve poichè spesso è carico di delusioni; la sua "battaglia" mina i rapporti sociali.

Chi sono gli ipercritici e perchè si comportano così.

Ci mettono sempre qualcosa di troppo: una critica quando il discorso è ormai chiuso, una puntualizzazione del tutto inutile anche se le cose sono già chiare, un tono sarcastico o aggressivo in netto contrasto con l'atmosfera del dialogo, oppure un'osservazione provocatoria e gratuita ai fini dell'argomentazione. Sono gli ipercritici, persone che sembrano portate a battersi verbalmente (polemòs in greco significa infatti guerra) alla prima occasione o, se questa non si presenta, a crearla dal nulla. Non si tratta perciò di una sporadica "salita di tono", dovuta a una contrarietà del momento: L'ipercritico ha dentro di sé una contrarietà più generale verso l'esterno che, a prescindere dalle specifiche situazioni di conflitto, lo fa partire "già carico" nell'affrontare una conversazione: magari sulle prime l'interlocutore non se ne accorge, ma lui è già un po' arrabbiato, irritato, insoddisfatto, critico o sospettoso, ha già qualcosa da aggiungere "a priori".

Pensano di avere sempre un torto da riparare.

Per questo gli basta un nonnulla per innescare una discussione e aprire un conflitto. In pratica l'ipercritico si comporta come se avesse subito, in un passato più o meno remoto, una sorta di "grande torto" che lo ha fatto restare in un costante atteggiamento battagliero verso gli altri e verso la vita: attacca per difendersi, per prevenire, per dimostrare, per essere risarcito, neanche lui sa bene di cosa. «Che poi non si dica che io...» è uno dei suoi tipici intercalari, insieme a «Lo sapevo, te l'avevo detto»; «Come volevasi dimostrare»; «Non per far polemica, ma...»; «Ti dico solo questo e poi non parlo più»; «Ci tengo a precisare che»; «Stai forse insinuando che io...». Le cause di questa propensione, oltre che in una predisposizione individuale, di solito risiedono nel vissuto dell'infanzia e, meno spesso, dell'adolescenza: carenza d'amore materno, umiliazioni o mancati riconoscimenti, genitori in perenne conflitto fra loro, sono le situazioni più frequenti. Qualcosa di importante è dunque accaduto ma, poiché la persona di solito non lo ricorda o non gli attribuisce importanza, si focalizza sui singoli conflitti del momento, con due conseguenze negative. La prima è una costante difficoltà nelle relazioni, che non riescono mai a mantenersi serene e lineari. La seconda è l'impossibilità di una piena evoluzione psicologica, poiché la mente è sempre un po' rapita e affaticata da questa battaglia fine a se stessa.           

Gli ipercritici alla lunga...

- Logorano amicizie e relazioni sociali.

- Suscitano reazioni aggressive, tensione, tendenza a mentire e a evitare.

- Rendono inconcludente ed estenuante ogni discussione.

- Accrescono nel tempo il proprio senso di frustrazione.

L'atteggiamento polemico può nascondere una forte insoddisfazione per la propria vita attuale. Chi è felice infatti non ha alcun bisogno di polemizzare. Non cercare perciò risarcimenti in discussioni estenuanti, non perdere tempo a puntualizzare, ma concentrati su te stesso, sui tuoi desideri e su un migliore stile di vita.

Lo spirito ipercritico è energia vitale che non riesce a convogliarsi in modo e forme costruttive. Per sbloccare la situazione non serve reprimere a stento la rabbia ma sviluppare una o più passioni, in qualsiasi ambito, nel quale la creatività personale possa fluire. Ciò ti renderà più sereno nell'affermare in modo più maturo le tue vere, eventuali contrarietà."

Ti sembra famigliare questo atteggiamento?  Very Happy

Per quanto riguarda il discorso asilo, me labboffa ecc., non ti rispondo neanche, perché mi ha infastidito parecchio.

Buon forum a te Madda ed a tutti voi.

Ammazza , e non bastava dirmi che ti sto sul cazzo ? larme

Tutta sta pappina per dirmi che sono ipercritica?
Puo’ essere. Ma reitero (da ipercritica) che io non sono il forum, quindi stai serena e se ti va scrivi, se no tante buone cose cuoricino
avatar
Maddasupernova
Quasi famoso
Quasi famoso

Messaggi : 1788

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Fatemi capire...

Messaggio Da Spugnaviola il Ven Giu 08, 2018 10:29 pm

Ah addirittura scomodiamo testi di psicologia?

Mah.

avatar
Spugnaviola
Astro nascente
Astro nascente

Messaggi : 4622

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Fatemi capire...

Messaggio Da Spugnaviola il Ven Giu 08, 2018 10:30 pm

A me sinceramente lasciano incredula certe esternazioni.

Chi si assenta e poi torna da un momento all'altro per riversare tutto questo astio mi inquieta.

Partecipate sempre, ditelo sempre ciò che pensate. Altrimenti non ha molto senso.
avatar
Spugnaviola
Astro nascente
Astro nascente

Messaggi : 4622

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Fatemi capire...

Messaggio Da Maddasupernova il Ven Giu 08, 2018 10:38 pm

Ma no . Poi si diventa iipercritici.
Meglio leggere in silenzio e poi saltare fuori “guarda caso” sempre nei momenti clou solo per sputare fuori bile.
avatar
Maddasupernova
Quasi famoso
Quasi famoso

Messaggi : 1788

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Fatemi capire...

Messaggio Da Rat Tomago il Sab Giu 09, 2018 6:27 am

un forum integra pregi e difetti sociali. esiste un unico forum che tratta temi di varia umanità. poi vorremmo frammentarlo per estrarre tematiche che supponiamo più aderenti ai nostri 'interessi' ( come se focalizzarsi sul sesso ti rendesse più erotico) e inevitabilmente il rischio è quello di saturare in breve tempo gli argomenti, perchè ci sono oggettivamente dei limiti per quanto ci si sforzi e ci si giri attorno. parlare  d'altro è sostanzialmemte fisiologico e probabilmente più necessario di quel che si crede, perchè ad un certo punto il bisogno di capire meglio con chi si ha a che fare fa emergere lati meno 'accattivanti', però anche più veri. c'è chi questo aspetto non piace. vorrebbe crogiolarsi in un eterno 'flrt' virtuale che per essere alimentato dovrebbe reiterare situazioni che stimolino continuamente certe curiosità.
il problema è che se i meccanismi sono ripetitivi, una mente sana ne riscontra anche la noia.
paradossalmente gli scazzi e anche periodiche assenze sono più evolutivi.
avatar
Rat Tomago
Talento esordiente
Talento esordiente

Messaggi : 229

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Fatemi capire...

Messaggio Da blake1987 il Dom Giu 10, 2018 12:22 am

xLucex ha scritto:Purtroppo è emerso molte volte, in discussioni che volevano essere interscambio di opinioni, che la diversità di pensiero non sempre si riesce a gestire con equilibrio. Nascono fraintendimenti, dissapori che a catena tirano dentro un po' tutta la cerchia di utenti, e poco alla volta si slabbra il tessuto della comunità.

Ogni volta il tentativo di ricucire, chiarirsi, spiegare le motivazioni, etc...
Col tempo, per molti, interviene quel senso di incertezza sull'esporsi, proprio per evitare battibecchi.

Diventa un forum del "non detto".



sottoscrivo ogni signola parola..era quello che penavo da tempo..solo che tu lo scrivi bene, mentre io sarei sembrato un bambino di seconda elementare che scrive i "pensierini" Very Happy
avatar
blake1987
Quasi famoso
Quasi famoso

Messaggi : 1410

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Fatemi capire...

Messaggio Da blake1987 il Dom Giu 10, 2018 12:34 am

. ha scritto:
blake1987 ha scritto:e poi sì, Alan ..le antipatie , secondo me, sono alla base di questa fase in cui quelli che "disertano" superano i presenti  Sad

Su questo potrei mettere la mano sul fuoco ed è il motivo per il quale ho sempre sostenuto che la devirtualizzazione è l'anticamera della morte di un forum.
Perché finché le cose vanno a gonfie vele tutta la comunità ne giova, ma appena c'è un problema si parte con le cancellazioni oppure, quando va bene, con i silenzi.
E se ci pensi è quello che sta accadendo qui adesso.

Wink
scusami, ma per "devirtualizzazione " intendi la
conoscenza "personale"
fra componenti di un forum? io mica la vedo una cosa negativa, a dirla tutta

io penso che il "vizio" , il "difetto" , risieda negli svantaggi della comunicazione scritta

io ho visto dei litigi qui
che, secondo me, se fossero accaduti in un vis-à-vis , si sarebbero ricomposti in un minuto,
malintesi nati, secondo me,
dal fatto che mancasse la possibilità di capire il tono con cui Tizio o Caio avessero parlato, ed il malinteso poi si ingigantisce a dismisura Sad
avatar
blake1987
Quasi famoso
Quasi famoso

Messaggi : 1410

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Fatemi capire...

Messaggio Da blake1987 il Dom Giu 10, 2018 12:47 am

. ha scritto:
Poirottina ha scritto:Vedo invece a volte un mettersi in contrapposizione come se davanti ci fosse un nemico, come se farlo fosse vitale per confermare se stessi e la propria personalità. Forse, se pensassimo a chi ci sta di fronte qui, come nella vita, solo come ad un povero diavolo come noi che arranca nei suoi problemi, ci disporremmo diversamente. Mi ci metto anch' io chiaramente.

Vero.
Purtroppo il "celolughismo" è sempre esistito e non morirà mai.
E l'unico modo per venirne a capo è una forte dose di autoironia, qualità a tanti sconosciuta.
Si dovrebbe scendere fra la gente, confrontarsi senza preconcetti ma solo con il piacere di ascoltare un'altra voce, un altro parere senza che questo venga vissuto come una volontà di far passare l'opinione altrui come verità assoluta.
In una parola: umiltà.
Invece negli ultimi tempi (ebbene sì, lo ammetto: vi ho letti nei "cessomoments" mrgreen  ) non si è fatto altro che scontrarsi sui più disparati argomenti ma mai in modo costruttivo.
O almeno questo è ciò che da esterno ho percepito.


qual è il trucco per non prendersi troppo sul serio (ma senza ricadere nel difetto opposto del menefreghismo)? spesso qui ho visto discussioni in cui il proprio pensiero veniva affermato con una forza "quasi sproporzionata" , come se prevalere sul piano dialettico fosse una questione di vita o di morte uhm
avatar
blake1987
Quasi famoso
Quasi famoso

Messaggi : 1410

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Fatemi capire...

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Pagina 4 di 4 Precedente  1, 2, 3, 4

Torna in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum